Actualidad

http://www.energiafocus.it/wp-content/uploads/invelox_430.jpg

Energías renovables: 600% más turbinas de energía con un embudo

Novità nel settore delle energie rinnovabili. Si tratta di un nuovo impianto eolico che sostituisce le tradizionali pale eoliche con delle turbine ad imbuto capaci di produrre il 600% di energia elettrica in più. Il progetto è stato pensato e realizzato dalla compagnia SheerWind del Minnesota (USA), l’innovativo aerogeneratore prende il nome di “Invelox”.

Il nuovo design limita l’invasività paesaggistica delle tradizionali pale grazie alla ridotta dimensione delle turbine, poiché tutti i componenti dell’impianto si trovano all’interno della turbina stessa, in questo modo si possono ridurre anche  i rischi per gli uccelli e l’avifauna selvatica. Invelox, a differenza delle tradizionali pale, ha una forma ad imbuto che presenta prese di aspirazione che raccolgono le correnti ventose provenienti da differenti direzioni, per poi convogliarle verso la turbina che si trova sulla base dell’impianto.

Questo sistema è in grado di funzionare anche con poco vento, cattura anche piccole brezze che una volta convogliate all’interno del sistema acquisiscono notevole velocità grazie ad una serie di bocchette e tubi che canalizzano l’aria verso la turbina. Secondo gli studi della SheerWind, il sistema riesce a ad aumentare la velocità delle piccole correnti catturate  prima dell`operazione di conversione in energia elettrica, per esempio un vento che tira a 16 km/h cresce ad una velocità di 64 km/h, prima di raggiungere la turbina.

Si sfrutta sostanzialmente il fenomeno fisico conosciuto come “effetto Venturi”, secondo il quale la pressione di una corrente fluida aumenta col diminuire della velocità. In pratica, quindi, questa tecnologia accresce la velocità del vento e diminuisce la pressione, in tal modo accelerando la turbina eolica posta alla base. Secondo la compagnia americana, l’impianto sarebbe prodotto in serie già entro la fine di quest’anno, e una volta messo in funzione costerà soltanto 1 centesimo/kWh. Stando ai dati questo è un sistema molto competitivo sul mercato delle energie rinnovabili sia da un punto di vista quantitativo per la produzione di energia sia per i costi per la fornitura.